Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
Piazza pretoria Manno Supporta- 2i
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

Share

Il Gruppo Come Partecipante

Download to read offline

Dinamiche di Gruppo

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to like this

Il Gruppo Come Partecipante

  1. 1. Il gruppo come partecipante Italia, Toscana - dicembre 2012
  2. 2. GRUPPO livello di gruppo INDIVIDUI livello individuale comportamenti
  3. 3. Forze significative all’interno di un gruppo GRUPPO Norme e tabù Regole Fasi del gruppo
  4. 4. Norme forti regole implicite che guidano le interazioni all’interno di un gruppo Si riferiscono • al comportamento • all’aspettativa • all’apprezzamento Si basano • su valori • sull’apprezzamento di un determinato comportamento Funzione • facilitare e regolare il modo di essere nel gruppo • aiutare il gruppo a raggiungere i propri obiettivi Origine • dalle aspettative dei membri del gruppo • dalle linee guida implicite ed esplicite dei membri influenti del gruppo e del leader del gruppo
  5. 5. Norme Legate al processo e alle fasi del gruppo Alcune norme possono essere utili all’inizio del processo del gruppo ma diventare deleteree quando il processo è a un livello successivo, poiché rischiano di congelare lo sviluppo del gruppo. Alcune sono salutari e utili a portare avanti il processo del gruppo rivolto all’obiettivo, altre ostacolano tale processo.
  6. 6. Norme Spesso regolano la vita del gruppo a livello inconscio Le norme spesso regolano la vita del gruppo a un mero livello inconscio ed estranei o nuovi arrivati possono aiutare a rilevare quali sono le norme esistenti nel gruppo Loro possibile contraddittorietà Alcune norme di gruppo desiderate possono risultare contraddittorie con alcune già esistenti in altri ambienti (o situazioni). Talvolta possono coesistere norme contraddittorie nel medesimo gruppo.
  7. 7. Tabù Gli apprezzamenti negativi si riferiscono a un comportamento che deve essere evitato. Quando l’imposizione di evitare un determinato comportamento è particolarmente forte, siamo di fronte a un tabù.
  8. 8. Compito per il leader del gruppo o facilitatore • Essere cosciente della propria influenza come ruolo di modello • Individuare le norme di gruppo esistenti e la cultura del gruppo • Esplicitare al gruppo le norme implicite e mettere in discussione col gruppo la loro desiderabilità • Indirizzare il proprio comportamento sulla base delle norme che si desidera siano da guida per il proprio gruppo: vivere tali norme è dare l’esempio. Instaurare una situazione che sia esemplare della norma che vogliamo trasmettere.
  9. 9. Alcuni concetti psicologici Introiezione Proiezione Identificazione Identificazione proiettiva Quando la proiezione di una persona x su una persona y, porta la persona y a fare ciò che x ha proiettato su di essa Identificazione proiettiva di gruppo
  10. 10. La maturità di un gruppo può essere misurata a partire dalla abilità che dimostra nella gestione del comportamento deviante. Ivonne Agaziarian
  11. 11. Se un comportamento non può essere tollerato, sarà espulso dal gruppo e verrà identificato altrove IdentificazioneProiettivadiGruppo Possibilità esterne (consulente esterno) o terapista Il leader in carica (terapista, team leader) Un membro del gruppo (capro espiatorio o con un ruolo simile) con la più alta valenza per quel ruolo IDENTIFICAZIONE IN
  12. 12. Il modello del conflitto focale di gruppo di Whitaker e Leiberman Ciò che è osservabile è una risposta comportamentale (o comportamento). Ciò che osserviamo come risposta a livello di gruppo è la risoluzione di un conflitto a livello emozionale e mentale.
  13. 13. Alcune storie... • Animali pericolosi nello zoo • Film e i loro finali • Il caffè è imbevibile... • Le direzioni stradali riacquistano attenzione • Le “soap” dell’aula insegnanti Ilconflittofocaledigruppo
  14. 14. Il conflitto focale di gruppo Whitaker e Leiberman VOLERE, DESIDERIO Motivo di disturbo PAURA, TIMORE Motivo di reazione RISPOSTA COMPORTAMENTALE Come soluzione del conflittoSoluzione abilitante Soluzione restrittiva
  15. 15. Come riconosco la presenza di un conflitto? Sensazione di fastido percepiamo che c’è qualcosa che non va Notiamo che quasi tutto il gruppo ne è coinvolto Persistenza Inappropriatezza Ilconflittofocaledigruppo
  16. 16. Come gestisco tale conflitto? Affrontarlo o no? Talvolta comprenderne la presenza è sufficiente Cercare di ridurre la paura Rendere manifesto il comportamento desiderato e osservarne l’effetto Ilconflittofocaledigruppo

Dinamiche di Gruppo

Views

Total views

360

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

3

Actions

Downloads

3

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×